Duemori viaggi facebook

telefono339 2781755 - 0445 480898

Mercatini di Natale: BOLZANO E THUN

Data: 17 dicembre 2017
Durata: 1 Giorno
Cod: Merc. di Natale: BOLZANO THUN


PROGRAMMA

english versione  ENGLISH VERSION

Ritrovo in luoghi ed orari stabiliti, sistemazione in pullman GT e partenza per Trento con destinazione Bolzano. Soste di ristoro lungo il percorso e arrivo nel capoluogo dell’Alto Adige, situato alla confluenza delle valli dell’Isarco e dell’Adige, da sempre luogo d'incontro di diverse culture e tradizioni. Visita alla famosa fabbrica di ceramiche di Thun. Pranzo libero. Intero pomeriggio dedicato alla visita della citta’ e del caratteristico mercatino di Natale dove si potranno ammirare le bancarelle di prodotti tipici locali natalizi. Tra le cose piu’ interessanti della città in particolare vi ricordiamo il Duomo, la bella via dei Portici la via della shopping, la Chiesa dei Domenicani con l'attiguo chiostro dagli affreschi di scuola giottesca, Piazza delle Erbe con il pittoresco mercatino della frutta e verdura. Partenza nel tardo pomeriggio per il viaggio di rientro ed arrivo in serata a destinazione.

Il centro storico di Bolzano è praticamente in mano al commercio turistico: a farla da padroni sono ristoranti, bar, pub, tavole calde; seguono hotel e pensioni, quindi la vendita al dettaglio - le migliori boutique con le marche più prestigiose sono lì. Caratteristica del centro sono le famose "gallerie", vere e proprie autostrade pedonali a tre corsie - due laterali sotto i portici ed una centrale allo scoperto - che corrono parallele tra loro girando praticamente intorno alle due-tre piazze principali: Piazza Municipio, Piazza Walther e piazza Erbe. Particolare: le strade che si intersecano in questo triangolo assumono tutte il nome dagli antichi mestieri che qui venivano svolti; le stesse case (tutte di stampo austriaco con le caratteristiche balconate esagonali agli angoli) oggi quasi tutte ristrutturate e sedi di Università, banche, assicurazioni, prestigiose boutique eccetera, anticamente erano "casa, magazzino e bottega" dell'artigiano.
Altro particolare curioso, il sistema di comunicazione tra le gallerie e le vie principali: si tratta di passaggi "condominiali" (nel senso che entrate proprio all'interno di un palazzo!) disposti perpendicolarmente tra le due vie lasciati aperti durante il giorno dai condomini per permetterne l'uso ai cittadini, per essere poi chiusi la sera. Attenzione: gli orari dei negozi sono molto particolari, alle 18,30 per alcune attività, massimo alle 19,00 per altre rischiate di trovare tutto chiuso (tranne, ovviamente, ristoranti bar e pub!); il sabato pomeriggio, chiuso.
D'altro canto, è possibile fare acquisti il sabato mattina al mercato in piazza Erbe; variopinto e molto caratteristico, la prima cosa che colpisce è l'enorme varietà di pane che viene prodotto in zona. Ce n'è davvero per tutti i gusti. In zona ci sono diverse cose da poter visitare: innanzi tutto una bella passeggiata nel parco, ricco di attrezzature sportive, giochi per i bimbi e sede delle principali manifestazioni cittadine all'aperto. Come urbanistica piazza Walther e piazza del municipio, con tutti i principali palazzi storici all'intorno; su piazza Walther si affaccia in particolare il Duomo, in uno strano stile gotico-romano molto particolare. Certo, architettonicamente nulla a che vedere con la cattedrale gotica di Tromso, davvero imponente e seconda solo alla cattedrale parigina, ma quel maiolicato, tipico dell'impero austriaco, è davvero molto bello. Non molto distante dal duomo c'è la chiesa dei domenicani, risalente al 1200 nella sua parte più antica. E' molto curiosa vista al suo interno, sembrano tre chiese in una, di cui sicuramente la parte più bella è l'antica cripta sepolcrale, con meravigliosi affreschi sui muri e sulla volta; in stile romanico, fa quasi a pugni con il barocco ed il rococò delle altre parti. Alle spalle di piazza erbe invece, a circa 15 minuti a piedi da piazza Walther, c'è la chiesa dei francescani, in tipica pianta romanica, di cui è da apprezzare - come sempre nelle strutture di qust'ordine, lo stupendo chiostro che gli è accanto, con affreschi sui muri da un lato, e su enormi tavolozze di legno sull'altro. E' un colpo d'occhio mozzafiato. Tutt'intorno Bolzano è ricca di castelli e fortezze: per raggiungere una di queste c'è addirittura un servizio di pulmini gratuito che parte proprio da piazza Walther. Non ha orario, parte ogni volta che si riempie ed impiega circa 20 minuti di viaggio. 

Peter Thun, presidente dell'omonima azienda produttrice di articoli da regalo e oggetti in Peter Thun, presidente dell'omonima azienda produttrice di ceramica artigianale e articoli da regalo, nasce nel 1955 a Bolzano, dove i suoi genitori - i conti Otmar e Lene Thun –cinque anni prima avevano aperto il primo laboratorio di ceramica nello scantinato del loro castello Klebenstein. Peter Thun, a soli 23 anni, entra in azienda e ne assume la gestione. In venti anni porta la piccola impresa artigiana a diventare una delle maggiori holding a livello internazionale, che nel 2009 ha registrato un fatturato di 200 milioni di euro. Oggi il marchio Thun è presente sugli scaffali di almeno 1.800 punti vendita, in cinque Paesi europei, e l’azienda può contare su 260 negozi monomarca e più di 3800 dipendenti. La storia di Thun però inizia oltre i confini dell'Italia, nella vicina Austria, e Peter Thun la racconta, come una favola di famiglia. L'intervista è a cura di Anna Marino.

iscriviti alla newsletter